Blog

Migrare server mail e caselle IMAP con Imapsync.

14th Apr 2011 | Posted in: Blog, Mail server postfix, Sistemistica  | visualizzazioni 1

Può capitare di dover migrare per necessità proprie, caselle email o addirittura interi server mail che magari utilizzano formati di memorizzazione email diversi come Mailbox e Maildir, candidati incompatibili per una migrazione grezza spostando solamente i file da una cartella all’altra lavorando a livello filesystem, oppure semplicemente la volontà di voler migrare il contenuto di una casella mail (magari una di quelle gratuite come gmail, al nostro nuovo dominio).

La soluzione migliore, più professionale e performante è quella di utilizzare il tool IMAPSYNC che lavorando a riga di comando permette di effettuare una migrazione incrementale da casella A a casella B in modo del tutto indolore.

Questo tool recuperabile su http://freshmeat.net/projects/imapsync/ e disponibile per sistemi windows e Linux può essere installato con estrema semplicità tramite l’apt per i sistemi debian e derivati e yum per sistemi redhat derivati dopo aver aggiunto il repository Rpmforge alla configurazione di yum.

Il suo utilizzo è decisamente elementare: in pratica è necessario passargli i dati per collegarsi al server da cui copiare e poi quelli del server in cui vanno copiate le mail.
Questo un esempio di sintassi:

imapsync --host1 INDIRIZZO_SERVER1 --user1 UTENTE_1 --host2 INDIRIZZO_SERVER2 --user2 UTENTE_2 --authmech1 PLAIN --authmech2 PLAIN --noauthmd5 --ssl2

Ovviamente dovrete sostituire le parti in maiuscolo:

INDIRIZZO_SERVER1 e’ l’indirizzo IP o l’hostname del server numero 1
INDIRIZZO_SERVER2 e’ l’indirizzo IP o l’hostname del server numero 2
UTENTE_1 e’ l’utente sul server numero 1
UTENTE_2 e’ l’utente sul server numero 2

Lo script vi chiedera’ le password dei due utenti, dopodiche comincera’ la sincronizzazione.

Il parametro –ssl2 e’ necessario in quanto l’autenticazione PLAIN e’ solitamente permessa solo su canale criptato ssl.

imapsync ha il vantaggio di sincronizzare i server in maniera incrementale, i file gia’ sincronizzati non vengono piu’ spostati consentendo un minor tempo in caso di sincronizzazioni successive.

Tra le opzioni disponibili possiamo indicare se usare una connessione ssl, escudere messaggi troppo grossi o troppo vecchi e/o escudere intere directory.

Share and Enjoy:
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Mixx
  • Google Bookmarks
  • Digg
  • LinkedIn
  • oknotizie
  • MySpace
  • Technorati
  • Live
  • Slashdot
One Comment
  1. miserabili
    13:55 on Dicembre 22nd, 2015

    Oggettivamente un buonpost. Spulcio con interesse il blog https://www.dreamsnet.it. Proseguite con questo piglio.

    ulteriori spunti sono presenti a questo indirizzo

Lascia un commento